sabato 14 novembre 2009

Movimento

il treno corre nella notte, un lembo di tendina che tenta la fuga e sventola felice, l'aria umida che sa di letame che gonfia lo scompartimento e da' sollievo alla pelle scoperta a contatto col sedile di finta pelle, ogni tanto l'odore di piscio dal cesso o quello zuccheroso dei binari in stazioni i cui nomi vedi sfrecciare senza riuscire a leggere, c'e' sempre qualcuno irrequieto in corridoio a fumare. Tu sei intontito dal sonno e i tuoi pensieri sono al centro esatto di quello che separa ciò che stai lasciando e ciò che ti aspetta e comunque sotto scorre un senso di remota felicità

13 commenti:

  1. Uh! Sono proprio così, le sensazioni, le visioni, i pensieri da treno...

    RispondiElimina
  2. bah oramai con i nuovi treni e i finestrini bloccati ci hanno tolto pure questo

    RispondiElimina
  3. Bello come hai reso il movimento circostante contrapposto all'immobilità della posizione e di certi pensieri assonnati.
    O forse solo assopiti. Il senso di remota felicità che scorre è un meraviglioso motivo di risveglio.

    RispondiElimina
  4. grazie elle, troppo buona, e' stato semplicemente un flash che mi e' scaturito perche' stavo scrivendo in un testo per una canzone le parole treno nella notte.. la mente a volte prende le sue vie senza darti conto di nulla

    RispondiElimina
  5. A me la tendina che si libera piace un sacco. E il treno d'estate mi piace tanto, anche col puzzo di piscio e i mendicanti con i fogliolini con su scritto ho la leucemia.

    RispondiElimina
  6. i mendicanti mi mancavano, solo adesso ne becco uno che tutte le settimane quando vado a milano con l'alta velocita' imperterrito insiste e che ogni volta viene portato via dalla pula

    RispondiElimina
  7. soprattutto affacciarti e respirare l'aria fresca delle campagne per poi sentirti arrivare, forte e veloce come uno schiaffo, lo sputo di quello affacciato al finestrino più avanti, il quale non ha forse calcolato la direzione del vento...

    o forse sì?

    RispondiElimina
  8. E' vero, il treno e' proprio cosi'! ti da delle sensazioni uniche!

    RispondiElimina
  9. Davide: lo sputo non mi e' capitato, una bottiglia di minerale però sì..

    Vittoria: scommetto che sui treni scozzesi tutto ciò non accade.. :)

    RispondiElimina
  10. ...e che i binari delle stazioni avessero un non so che di zuccheroso, effettivamente non me ne ero mai accorta. :)

    RispondiElimina
  11. dai Iaia, non mi dirai che non hai mai dato una leccata ad un binario in stazione ? :)

    RispondiElimina
  12. sì, triste e solitario (y final)

    RispondiElimina