lunedì 22 marzo 2010

Tristezza è mezza bellezza

Perchè? perchè mi piacciono tanto i film che finiscono male? forse perchè è probabile che un film di spessore finisca male ed è certo che un film stupido finisca bene? perchè pensare che un libro che mi conduca per mano dentro il dolore sia più autentico di uno che scelga un registro leggero? E' forse solo un modo di esorcizzare ciò che si teme? Perchè una musica allegra non mi darà mai la stessa intensità di un pezzo struggente? Come mai chi mi appare triste debba di diritto essere considerato sensibile mentre chi è spesso allegro è probabile venga tacciato di frivolezza? Come se non esistesse anche una tristezza ottusa, come se non esistesse una leggerezza consapevole, forse l'allegria non ha l'esigenza di essere socializzata, forse il disagio necessita di un'elaborazione e di un senso mentre l'allegria va consumata di getto, forse esiste una sorta di scaramantico rispetto per chi soffre che a volte si traduce in una malcelata invidia per chi gioisce. Non ha senso.

26 commenti:

  1. Quanto è bello questo post. Hai perfettamente ragione (hei ma sei un musso?!?!? sai che la ragione ce l'han sempre loro...e tu, non essendolo, dimmelo! qual'è il tuo segreto?).
    Si, ma a parte aver centrato e descritto un qualcosa di verissimo, è la delicatezza del come l'hai scritto.
    Bello GAry! (Per me leggerezza è intera bellezza, con tutto ciò che c'è dietro l'angolo incluso.)

    Salutami il mio nuovo amico, digli che sono sempre stata una sua grande ammiratrice e che poi non gliel'ho mai detto, balla divinamente!

    RispondiElimina
  2. Lo sai perchè ci piacciono le "cose tristi"? Perchè danno un senso (e uno specchio) al dolore che ognuno si porta dentro...:)
    baci baci

    RispondiElimina
  3. i film che preferisco ultimamente sono quelli che fanno magari sorridere, e poi quando non te l'aspetti ti tirano un cazzotto.
    e alla fine il più delle volte finiscono male. quindi sì, anche a me fondamentalmente piacciono le cose tristi

    RispondiElimina
  4. a me piacciono i film che fino alla fine non si sa come vanno a finire. quindi possono anche finir bene, oppure essere tristi, non importa, basta che sia un finale inaspettato.

    certe volte però, lo ammetto, ho esplicitamnete voglia del lieto fine e mi cerco i film che si capisce già dal titolo che non mi deluderanno...sono romantica...

    RispondiElimina
  5. Sarebbe un commento lungo, ma tanto lungo che per evitarlo sarà brevissimo:
    C'è anche il sarcasmo amaro, che cela un veleno ancor più intenso!

    RispondiElimina
  6. yrom: ma che è un musso?
    lilith: dici che ce l'abbiamo tutti?
    marco: sì, il male che arriva del tutto inaspettato è ancora più coinvolgente
    bionda: beh c'è romanticismo e romanticismo
    dautre: eh no eh?! adesso titi furoi tutto, a puntate se vuoi..

    RispondiElimina
  7. Siamo realisti. A volte troppo, a volte meno.
    Poco sognatori e, forse, più cinici, per quel retrogusto amaro che ci ha lasciato la vita.

    RispondiElimina
  8. Tu vuoi svegliare la scrittrice repressa che c'è in me??? Ma per uno dei rari amanti del genere "Drama", questo ed altro! Ti mando i volumi I II III de "Lo spettatore masochista" a casa se vuoi :)

    RispondiElimina
  9. linda : ma no dai, siamo ancora pieni di sogni, se no non saremmo così delusi
    dautre: veramente te li avevo chiesti già a suo tempo ma ti rifiutasti..

    RispondiElimina
  10. Non mi sono mai rifiutata Gary... Sono solo abituata a sentirmi inopportuna!

    RispondiElimina
  11. Ogni tanto però il lieto fine ci vuole...almeno nei film e nei libri, e che cavolo!

    RispondiElimina
  12. Anche io, gherì, mi rifugio dentro al grigio per scovare le mie emozioni più profonde: è che siamo tutti convinti che nella tristezza e nel dolore i veri artisti diano il meglio, a livello intrinseco e poetico.
    Poi pensi ad "Amici miei", per esempio, e capisci che son tutte stronzate.

    RispondiElimina
  13. duatre: ma no, parlavo dei tuoi scritti..
    stressa: e chi l'ha detto?
    calzino: se non la smetti di chiamarmi gherì ti faccio un altro ritratto

    RispondiElimina
  14. duatre: ma no, parlavo dei tuoi scritti..
    stressa: e chi l'ha detto?
    calzino: se non la smetti di chiamarmi gherì ti faccio un altro ritratto

    RispondiElimina
  15. Lo so :)
    ma mi sembrava inopportuno mandarteli dopo che è passato del tempo...

    RispondiElimina
  16. uff dautre, sì na chiavica..:)

    RispondiElimina
  17. uè scurnacchiato!!! Io ti faccio un piacere e tu manco apprezzi!!! A si??? E mo ti intaso la posta... Tié...

    RispondiElimina
  18. vista la tua abilità informatica più che altro rischi di fonderti il pc :)

    RispondiElimina
  19. gherì, perchè, non ti piace? è che dopo mario merola... ;)

    RispondiElimina
  20. Gherì (hehehe), piuttosto se non ti arriva sai il perché :) chi sa a chi l'avrò spedito...
    E poi così ho sempre una scusa pronta!
    ArrivedOrci!

    RispondiElimina
  21. Dai, non ci credo che proprio il lieto fine ogni tanto non lo vorresti anche tu...guardami negli occhi e prova a negare:)))

    RispondiElimina
  22. ha ragione Calzino, Gherì...si pensa che gli artisti diano il meglio di se quando sprofondano nella malinconia e nella depressione...guarda un po' i più grandi pittori e poeti....però poi se penso agli stilisti (creano anche loro??) non mi sembrano così malinconici o depressi...o forse con una American Express Gold si è diversamente malinconici...che dici Gherì???

    RispondiElimina
  23. Sei proprio coopo di nome e di fatto allora!

    RispondiElimina
  24. mmh, io rido al quotidiano e del quotidiano e trovo che il grottesco sia quanto di più vicino alla realtà si possa immaginare.

    poi c'è da dire che si fa spesso come i bambini, che giocano coi mostri illudendosi di dominarli.

    RispondiElimina
  25. mich non lo so, ma quando penso a una leggerezza consapevole, lucida e divertente mi viene in mente anche il tuo modo di scrivere

    RispondiElimina