mercoledì 28 luglio 2010

Ti lascio il segno

Voglio lasciarti il segno, dentro, ne ho bisogno, non potendo lasciare traccia di me nel mondo. Immortalità nello spazio umano anzichè nel tempo, per narcisismo, voglio specchiarmi nella tua memoria, voglio che tu senta tutta la mia considerazione fino a che questa cura e questa attenzione a te sconosciute e apparentemente innocue come un foglio di carta diventino taglienti al punto di lacerare i tuoi confini e ti lascino una cicatrice nelle viscere, lieve, della quale non ti rendi nemmeno conto. Devo coltivare l'illusione di restare, di sopravvivere in una qualche forma. Non so fare altro, la mia capacità di poter essere superficiale è mutilata, purtroppo, ti devo lasciare un marchio a fuoco che indichi il mio passaggio visto che tanto in un modo e in un tempo a piacere te ne andrai lontano da me, un segno che ti bruci come una mancanza ogni volta che saltuariamente ti verrò in mente.

22 commenti:

  1. Ma non è forse meglio il peso di una piuma che sfiori e solletichi lieti ricordi di tutto ciò? o forse è solo un rovescio della medaglia, come tanti, o pochi a seconda di chi è ricco e chi è povero.
    Ti scrivo in una sera in cui ho affrontato problemi seri, accantonando un pò la spensieratezza e la beltà delle ultime settimane, non sono problemi miei, come immaginerai, in questo momento per lo meno, ma un amico ha bisogno e gli altri si consultano come antichi saggi indiani o forse solo come sciocchi illusi che l'unione faccia realmente la forza, pure nella distanza che ogni vita via via che si scorre prende dalla vita accanto...e via...Ascolto Bregovic con i suoi ritmi tribali prima di riattaccare il film (anche quello un pò angosciante, ma mi incuriosisce da morire..e continuo tra un pò a guardarlo...)per esorcizzare un pò troppa serietà, che in fin dei conti non va mai presa troppo seriamente.

    Olè...
    Dicevamo, Yin e Yang (ma che poi, tu che sai, si scrive così)

    Basi.

    RispondiElimina
  2. Le persone le segni anche senza saperlo. Voler fare del bene, voler fare del male, volere lasciare un segno: se la decomponi questa frase diventa assurda e clownesca.
    Che significa voler lasciare un segno? Che significa davvero? Non è meglio vivere beatamente ignari? Sperare forse, ma senza dannarsi a lasciarlo questo segno?
    Se cammini un viaggio lungo o breve accanto ad una persona, non ne modifichi per sempre lo sguardo, il passo, la strada?
    buonanotte gary.

    RispondiElimina
  3. "Specchiarmi nella tua memoria"

    Caro coopo, tu sei un poeta!

    RispondiElimina
  4. la mano o l'occhio che accarezza la cicatrice dà una sensazione dolce e lacerante insieme… hai ragione! :)

    RispondiElimina
  5. Gherì, te il segno lo lasci anche se non volessi, credi a me. Quindi tutto questo impegno puoi anche non metterlo, sei già come un tatuagio, te lo dico io.

    RispondiElimina
  6. vania: ma che ne so, a me il ricordo mi fa quasi semrpe male, altro che piuma
    elena: sono d'accordo con te, infatti parlo di illusione, è che mi manca il "light mode" con le persone, più o meno consciamente tento sempre di affondare dentro di loro, sperando di farmi ricordare, non lo decido, oramai è quasi un riflesso.
    stressa: ma no che poeta, sono sicuro che se fai una ricerca su google ne escono decine di questo tipo di frasi se non addirittura proprio questa, ti perdono perchè hai la tessera N.1 del fan club :)

    RispondiElimina
  7. petrolio: pare che non esistano piastrine di sorta per certi tipi di ferite
    Calzino: così mi commuovi lo sai, ma in realtà sono delebile, delebilissimo, come tutti

    RispondiElimina
  8. smettila, son cazzate.
    se il segno non lo lasci tu con la tua ricchezza... allora chi?

    RispondiElimina
  9. gary, a me hai detto parole che mi hanno rivoltata come un copripiumino. Te ne sei accorto?

    RispondiElimina
  10. se dicevi rivoltata come calzino raggiungevamo la quadratura del cerchio

    RispondiElimina
  11. usurpare l'identità di una 'sì bella personcina come calzino mi parrebbe una cosa cattivissima!

    RispondiElimina
  12. io prenderei la tessera n°2 se disponibile

    RispondiElimina
  13. certo che è disponibile, anzi pare che la tuitolare della N.1 voglia restituirla :)

    RispondiElimina
  14. Mi piacerebbe sapere chi divulga notizie false e tendenziose..la tessera N.1 è mia, giù le mani :)

    RispondiElimina
  15. Perchè? Solo perchè ti mancano i momenti? o i sentimenti? Insomma, cos'hanno di così insostenibile i ricordi?

    RispondiElimina
  16. vania: più che ricordi ho rimpianti forse è quello il problema

    RispondiElimina
  17. tanto tempo fa lessi da qualche parte che il ricordo di una felicità è solo ricordo il ricordo di un dolore è ancora dolore...lasciare una cicatrice così profonda gary richiede un impegno dei sentimenti..tu hai scritto cose che lette ora..a quest'ora,faranno in modo che la mia giornata cambi destinazione di sentimenti.Io già lo so...oggi qualcuno mi chiamerà mentre io imbambolata cercherò di ricordare e stampare in mente questa meraviglia di parole...Gary mio caro sarà tua la responsabilità dei miei sentimenti per oggi....(mi scrivi la giustifica?)

    RispondiElimina
  18. mgg64: ecco, lo sapevo, sempre colpa mia..:)

    RispondiElimina
  19. Ammazza che cazzimma!

    RispondiElimina
  20. oh capito e che vogliamo fare?
    se uno c'ha la memoria corta?!?!
    :)

    RispondiElimina
  21. dautre: hai umiliato la mia conoscenza della lingua partenopea costringendomi a gugolare per capire il significato, sei contenta ora?

    andrea: in quel caso addamurì e basta

    RispondiElimina
  22. Ehhh... ma è un termine celeberrimo! Esplicativo al massimo, include una serie di atteggiamenti mentali in una sola parola!
    Devo insegnarti proprio tutto...

    RispondiElimina