mercoledì 17 febbraio 2010

Venire di dolore

Non mi era ancora capitato, non così: appena finita la sega sentire irrompere il pianto, che, complice il calo delle barriere emotive, si è infilato di soppiatto; venire di piacere e poi di dispiacere nel giro di pochissimi istanti, mi ha colto di sorpresa. Raccolgo questo impasto paradossale di luce e di buio con un kleenex e lo appoggio qua solo un attimo.

12 commenti:

  1. ...wow...come si può essere tanto lirici parlando di una sega...complimenti davvero....

    RispondiElimina
  2. l'insoddisfazione del piacere riempie gli occhi nel momento in cui ti "svuoti" della tua essenza.

    Non farà male perdere troppi liquidi nello stesso momento? ;)

    RispondiElimina
  3. AI: grazie
    Mafalda: grazie anche a te, cosa c'è di più lirico di una comunione con sè stessi?
    Lilith: fa male, malissimo

    RispondiElimina
  4. stressa: ah ah che scema che sei :D

    RispondiElimina
  5. Posso lasciar commentare Lucio?
    http://www.youtube.com/watch?v=JDNGvuXBAaY

    RispondiElimina
  6. dau: pensa che io mi perdo anche nel centro di bologna

    RispondiElimina
  7. La soglia tra piacere e dolore è molto sottile. E' un attimo varcarla e trovarsi dall'altra parte...

    RispondiElimina
  8. elle: già, il problema è che una volta di la' non trovo più la strada per tornare dall'altra parte

    RispondiElimina
  9. "....non trovo più la strada per tornare dall'altra parte...." considerato il tema del post poteva andar bene anche "....non trovo più la strada per VENIRE dall'altra parte....":)

    RispondiElimina